Protezione Civile

emergency and crisis - protezione civile

Emergency & Crisis

Protezione Civile

PIANIFICAZIONE E MODELLI ORGANIZZATIVI

Per gestire emergenze estese, sono necessari strumenti all’avanguardia per coordinare tutte le fasi di esecuzione e risoluzione della crisi. È altresì necessaria una pianificazione dettagliata per tutelare i cittadini e i beni, e massimizzare la collaborazione dei soggetti coinvolti. Beta 80 si affianca alla Protezione Civile sia a livello locale che nazionale, nell’integrare e ottimizzare i processi attraverso la piattaforma dedicata emma.

½AFFRONTARE LE MAXI EMERGENZE

½Ottenere informazioni immediate sulle caratteristiche del territorio e sugli interventi da effettuare. Avere sempre un quadro situazionale chiaro e aggiornato per ridurre i rischi e migliorare l’efficienza degli interventi. emma – Emergency Management permette alla Protezione Civile di gestire sia emergenze ordinarie di tipo continuativo quali incendi boschivi o nevicate (in cui si ha una gestione diretta delle forze di intervento), sia di affrontare maxi emergenze in cui la gestione è collaborativa, in quanto prevede la cooperazione tra varie forze.

½emma: DALLA PIANIFICAZIONE ALLA RISOLUZIONE

½emma è una soluzione modulare che copre tutto il processo di gestione dell’emergenza, sia nella fase di Pianificazione, dove vengono redatti i piani di emergenza con le indicazioni delle azioni da mettere in campo, sia in quello di Superamento, dove vengono inviati mezzi e risorse e viene monitorato l’avanzamento dell’attività in relazione allo specifico evento, oltre a riportare alla direzione quanto sta accadendo.

 

Integrando queste due fasi, emma permette in particolare di:

  • Avere una corretta gestione dell’informazione in un’ottica collaborativa.
  • Ottenere informazioni immediate sulle caratteristiche del territorio e sugli interventi da effettuare.
  • Sapere non solo cosa si debba fare a fronte di un accadimento, ma anche chi sta facendo che cosa.
  • Avere sempre un quadro situazionale chiaro e aggiornato per ridurre i rischi e migliorare l’efficienza degli interventi.
  • Usufruire di una gestione più rapida ed efficace delle operazioni di intervento.

FOCUS ON

PIANI DI EMERGENZA
Condividere le pianificazioni. Incrementare l’efficienza dell’intervento.

½emma consente alle unità amministrative di condividere i propri piani di emergenza con tutti gli attori coinvolti. Ciascuna unità amministrativa può rendere disponibile il suo piano di emergenza, sia nella parte documentale sia nella parte della localizzazione geografica, operando direttamente dall’applicativo. Il piano è organizzato in una parte generale, a carattere geografico, in cui è possibile identificare aree di rischio, punti di forza e di debolezza del territorio e nella parte legata alle linee di pianificazione e modello di intervento.

GESTIONE EVENTI CONTINUATIVI
Registrare le attività. Selezionare le risorse giuste. Inviare i mezzi più appropriati.

½emma permette a di gestire eventi di tipo continuativo che richiedano l’invio di mezzi di intervento. emma può essere utilizzato per la gestione di situazioni tipiche quali nevicate o incendi boschivi, e anche per gestire situazioni non pianificabili o non regolari (terremoti o eruzioni). Il sistema consente di ricevere segnalazioni di possibili eventi avversi e offre strumenti all’avanguardia per registrare le attività legate all’evento. Consente inoltre di monitorare gli interventi, di identificare il mezzo più appropriato in funzione delle caratteristiche dell’evento, dei mezzi a disposizione e della distanza dall’evento.
 
 

EARLY WARNING
Avvisare tempestivamente. Prevenire e ridurre i rischi.

½Il processo di early warning è costituito da sistemi complessi di tecnologie, formati tradizionalmente da sensori e ricettori di evento, che permettono di avvisare le autorità e la popolazione con maggiore anticipo. Il panorama dei sistemi di early warning sta evolvendo rapidamente per due fattori: il primo è lo sviluppo dell’IoT, che sta introducendo sistemi di sensori con un costo molto inferiore rispetto al passato; il secondo è l’uso dei social media, che permette di trasformare i cittadini in sensori virtuali, così da instaurare con loro una comunicazione bidirezionale. Beta 80 introduce entrambi gli elementi, sviluppando soluzioni tecnologiche relative all’IoT e all’uso dei social, per ottimizzare la comunicazione inerente alle situazioni di pericolo.
 

 

Beta 80 S.p.A – Via Socrate, 41 – 20128 Milano (MI) – P.IVA 13274760159 –  C.F. 08540780155 – Capitale Sociale 150.000 € i.v. – Registro Imprese MI 08540780155 – REA MI 1232203 – Tel. +39 02 25202.1