Case Innocenti Depositi

runner - case study innocenti depositi

Runner

Case Study Innocenti Depositi

MAGAZZINI CONTO TERZI

“Una logistica nata per dare più forza all’impresa. Innocenti Depositi opera attraverso: 5 Terminali, ottimizzati per ricevere, gestire, lavorare e distribuire materie prime, semilavorati e prodotti finiti in Italia e in Europa; una rete di trasporti ferroviari, intermodali e su gomma, garantita dalla collaborazione con le maggiori compagnie ferroviarie e marittime; un sistema integrato di software per gestire il flusso di dati e informazioni; tecnologie avanzate per la movimentazione e lo stoccaggio delle merci; una squadra di persone che ha maturato un’esperienza e una competenza in grado di fare la differenza nel risolvere velocemente ogni problema.” (www.innocentidepositi.it)

Cambiare e migliorare il software senza mai fermare l’impianto. In un rapporto fiduciario di lunga durata, Beta 80 ha prima realizzato un magazzino ex novo e successivamente rinnovato un magazzino già esistente. Grazie a una approfondita competenza logistica, Beta 80 è stata in grado di installare il proprio WMS Runner, sostituendo e rinnovando il sistema esistente e attivo, senza produrre alcuna interruzione alle attività di magazzino.

MONITORARE LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DELLE MERCI

 

CARATTERISTICHE DEL MAGAZZINO

½Il magazzino di Innocenti Depositi è costituito da 3 ingressi automatici pallet (baie) dove i pallet vengono identificati, verificati, pesati e associati al ricevimento in corso.

Se un pallet dovesse avere qualche requisito non conforme viene inviato alla baia di ricondizionamento.



CALCOLARE LE DESTINAZIONI MIGLIORI DEI PALLET ½

Per i pallet conformi inizia l’ingresso al magazzino tramite una serie di rulliere, 2 elevatori e una linea di ingresso ai 6 traslo.

Durante tutto il percorso il sistema informatico calcola la destinazione migliore per il materiale contenuto del pallet, in funzione della situazione di carico del magazzino e dei traslo. La prima scelta fatta viene così nuovamente verificata finché il pallet non sale da uno dei due elevatori. Una volta entrato nel traslo scelto per il pallet viene ricercata la migliore locazione e qui depositato. I traslo hanno un’altezza di circa 30 metri e la scaffalatura ha 13 livelli.



BILANCIARE IL CARICO DI LAVORO TRA I DIVERSI TRASLO ½

La merce in uscita dal magazzino viene estratta dai 6 traslo e depositata su una linea a piano terra di uscita, verso le baia di spedizione.

Le scelte dei pallet da estrarre tengono conto anche in questo caso dell’articolo richiesto, ma vengono fatte per bilanciare nel modo migliore possibile il carico di lavoro tra i diversi traslo: se uno è sovraccarico, il sistema è in grado di verificare cosa è possibile trasferire ad altri traslo per diminuire il suo carico di lavoro.

 

All’uscita sono presenti 7 baie ciascuna dotata di un display per comunicare i dati relativi alla spedizione in uscita agli operatori che caricano il camion.

C’è inoltre un’uscita che invia i pallet al sistema di picking, per operazioni di detopping (ripallettizzazione per particolari destinazioni).

WMS RUNNER, MFC  

½Informatizzare il controllo delle operazioni.   

Beta 80 ha realizzato il WMS ed il MFC attraverso il proprio sistema Runner. Governare l’impianto minimizzando l’intervento da parte dell’operatore è stato l’obiettivo principale. Il cuore del sistema informatico dell’impianto è infatti un server fault-tolerance su cui è installato Runner e tutti i dati, dalla mappa di magazzino ai pallet in movimentazione, allo storico dei  percorsi effettuati dai pallet, alle informazioni di dettaglio di ogni singola movimentazione. In questo modo è possibile effettuare analisi statistiche dei dati e dei flussi, verificando, se necessario, ogni singolo pallet.

 

Agevolare e supportare il lavoro dell’operatore.  

Le operazioni richieste agli operatori consistono nelle aperture dei ricevimenti con l’inserimento dei dati anagrafici del ricevimento. Tutto viene poi recuperato in automatico dall’impianto: codice dell’articolo, lotto, peso.

Un’altra operazione richiesta all’operatore è la conferma dell’inizio della spedizione: i dati delle spedizioni vengono recuperati in automatico dal sistema informativo del cliente, ma è l’operatore che supervisiona il carico di lavoro delle spedizioni e che conferma l’attivazione. Sono presenti moltissime altre funzioni a disposizione dell’operatore, come la verifica del bilanciamento dei carichi per i traslo, operazioni di diagnostica, statistiche, storico dei ricevimenti e delle spedizioni.
 

 

Beta 80 S.p.A – Via Socrate, 41 – 20128 Milano (MI) – P.IVA 13274760159 –  C.F. 08540780155 – Capitale Sociale 150.000 € i.v. – Registro Imprese MI 08540780155 – REA MI 1232203 – Tel. +39 02 25202.1