Case Study Lisap

stockager - case study lisap

Stockager®

Case Study Lisap

HAIR BEAUTY

“Nata nel 1952, Lisap Laboratori Cosmetici S.p.A. è una delle più importanti aziende italiane nel settore dell’Hair Beauty, arrivata oggi alla terza generazione. Lisap muove i suoi primi passi a partire da un cortile di Santa Maria La Porta a Milano, grazie al genio ed all’intuizione di Carlo Locatelli. Con il supporto del fratello Cesare e della generazione successiva, Lisap amplia il suo orizzonte, diventando un punto di riferimento del settore tricologico e del Made in Italy.” (www.lisapitalia.com)

Con il sempre maggior ampliamento della produzione, Lisap ha avuto l’esigenza di rinnovare il proprio magazzino. In un impianto di 45.000 metri quadri, il sistema Stockager® di Beta 80 è stato scelto per migliorare i processi di gestione, garantire il controllo delle materie prime, gestire le certificazioni di qualità e assicurare puntualità nelle consegne. La tecnologia Stockager® PTL è utilizzata infine per le operazioni di pick to light.

TRACCIABILITÀ E GESTIONE DEL PRELIEVO

LO SCENARIO

Beta 80 Group ha affiancato Lisap nell’introdurre nel magazzino un nuovo WMS Stockager®, salvaguardando gli investimenti e garantendo che lo switch dei sistemi avvenisse in tempi ridottissimi e a impatto zero sulla produzione.

In particolare, si sono posti questi obiettivi:

  • dotare gli operatori di dispositivi robusti ed efficaci per la gestione del picking di pezzi sfusi.
  • migliorare la gestione in radiofrequenza del prelievo a colli interi.
  • garantire la piena integrazione tra il sistema ERP SAP Business One e il software di magazzino.


STOCKAGER® E PICK TO LIGHT

Permettere il controllo di tutte le operazioni di magazzino con Stockager®, il WMS di Beta 80, garantendo efficienza, tracciabilità e accuratezza e salvaguardando gli investimenti già effettuati da Lisap, mantenendo la parti meccaniche della linea già esistenti.

Indicare i percorsi e le operazioni da compiere:

La merce in arrivo dalla produzione, viene controllata e avviata allo stoccaggio nel magazzino “a pallet”, suddiviso in area di picking ed area di riserva.

Il prelievo è effettuato in due zone, una dedicata al prelievo di pezzi sfusi, l’altra al prelievo di colli interi per le spedizioni più consistenti.

I picker sono guidati da terminali in radiofrequenza che indicano i percorsi e le operazioni da compiere. Le operazioni sono sincronizzate e i carrellisti addetti al rabbocco riforniscono le locazioni di prelievo secondo le effettive necessità.

Dotare gli operatori di dispositivi efficaci:

Il prelievo viene effettuato tramite un sistema Pick To Light, controllato da Stockager PTL. L’operatore viene guidato nel prelievo da appositi display e segnalazioni luminose, che indicano il punto di prelievo e la relativa quantità. Ogni operatore presidia solo un tratto dello scaffale, limitando così gli spostamenti. Le rulliere e il sistema di scambi permettono il trasferimento dei colli da una postazione all’altra.

PRECISO, SEMPLICE, EFFICIENTE 

Il sistema implementato da Beta 80 presenta notevoli vantaggi rispetto al prelievo in radiofrequenza o con messaggi vocali, permettendo di:

Aumentare la produttività. La visualizzazione di attività multiple abbatte il tempo di switch, in quanto l’operatore si predispone per la missione successiva.

Incrementare l’efficienza. Grazie alla suddivisione ottimale delle operazioni tra i vari addetti.

Garantire la precisione. La mano dell’operatore si trova vicino alla posizione di prelievo, evitando così di leggere in un punto e prelevare in un altro come potrebbe accadere con i terminali in radiofrequenza.

Maggiore semplicità. Le interfacce sono molto intuitive e il tempo di formazione è quasi nullo. Stockager® controlla le fasi di consolidamento dell’etichettatura e allestimento delle spedizioni, dando supporto al personale operativo.

Beta 80 S.p.A – Via Socrate, 41 – 20128 Milano (MI) – P.IVA 13274760159 –  C.F. 08540780155 – Capitale Sociale 150.000 € i.v. – Registro Imprese MI 08540780155 – REA MI 1232203 – Tel. +39 02 25202.1